PROGRAMMA DOCSCIENT 2014

programma_img

Giovedì 4 Dicembre

APERTURA: TRATTA BENE LA TERRA

9:00 – 10:20 Saluti di Apertura.

Attilio Vitali – Ideatore e Dir. Artistico RDF.

Acea Spa: Stefano Porro, Maurizio De Angelis Ufficio Relazioni Esterne e Comunicazione,

CNR: Rino Falcone (ISTC-CNR), Enrico Brugnoli (DTA-CNR), Corrado Bonifazi (IRPPS-CNR)

10:20 – 10:30 Collegamenti in videoconferenza con le scuole in giuria di Lampedusa e Schio

10:30 – 11:30 Tratta bene la Terra. Mario Tozzi (IGAG – CNR) – Mario Morcellini (Direttore Dip. Comunicazione e Ricerca Sociale UNIROMA 1)

Tratta bene la Terra. Non ci è stata data dai nostri padri, ci è stata prestata dai nostri figli. (Massima dei pastori nomadi del Kenya). Partendo dal significato di questo monito delle tribù Masai, cercheremo di capire come comunicare meglio i rischi legati ad un modello di sviluppo che sta impoverendo il futuro delle nuove generazioni.

11:30 – 11:45 Pausa

11:45 – 12:30 Videoconferenza con Base Concordia Antartide: i ricercatori rispondono ai ragazzi.

12:30 – 13:30 Predicting the unpredictable di John Jackson & Andy Byatt, BEL-FRA, 2014, 52‘, Saint Thomas Production

unpredictable

Attraverso le interviste con alcuni dei maggiori esperti mondiali e l’attività dei temerari piloti che sorvolano le tempeste per capirne le intensità, vedremo come vengono utilizzate le tecnologie più avanzate per affinare le previsioni sugli uragani: attraverso satelliti, droni o semplicemente osservando i flussi migratori dei pesci!

13:30 – 15:00 Pausa

15:00 – 15:20 Proiezioni video in concorso Premio Acea Essere Acqua

15:20 – 15:50 Videoconferenza con Base Concordia Antartide.

15:50 – 16:15 Performance dell’attore Andrea Rivera.

Copia di 10 rivera docscient2011bis

16:15 – 16:30 Pausa

16:30 – 17:30 L’Esperimento più Bello. Diego Luis Gonzales, Giorgio Lulli (IMM – CNR) – Mario Morcellini – Direttore Dip. Comunicazione e Ricerca Sociale UNIROMA 1

Il documentario narra la storia dell’esperimento che nel 2002 è stato giudicato dalla rivista Pysics World come “il più bello della fisica”: l’interferenza di elettroni singoli. Realizzato per la prima volta nel 1976 da tre ricercatori italiani e descritto dagli stessi in un film scientifico di successo che diede anche origine ad una intensa attività di divulgazione. L’esperimento illustra in modo esemplare la rivoluzione concettuale che la teoria quantistica ha portato nella fisica. 

17:30 – 19:15 Ultima chiamata di Enrico Cerasuolo, ITALIA, 2013, 90’, Zenit Arti Audiovisive

ultimachiamata

Quaranta anni fa, la pubblicazione di The Limits to Growth sconvolse il mondo. Basato sul report di un team di scienziati del MIT, il libro era portatore di un messaggio che oggi è più attuale che mai: il pianeta Terra è un sistema finito e la crescita economica a pieno ritmo porterà la nostra società e l’ambiente sull’orlo del collasso. Il documentario racconta la storia dell’ascesa, caduta e rinascita di uno dei libri ambientalisti più controversi e stimolanti di tutti i tempi attraverso le storie dei suoi ideatori – Aurelio Peccei e Jay Forrester – e autori, un gruppo di persone molto diverse tra loro, ma unite da un’estrema attenzione per le future generazioni.

L’effettiva realizzazione delle videoconferenze con base Concordia Antartide sarà subordinata alle condizioni ambientali locali

 

WORKSHOPS E PROIEZIONI SALA ARANCIERA

9:45 – 11:00 Un sorso dopo l’altro. Disegni e Pensieri per Tuffarsi nel Mondo dell’Acqua. Francesco Tonucci (ISTC – CNR)

Durante il workshop verranno presentate due serie di vignette: la prima illustrerà l’attività grafica di analisi e denuncia degli errori educativi nel rapporto adulti-bambini in casa, a scuola e nella città; la seconda presenterà invece un lavoro grafico sull’Acqua esaminando il tema sotto vari aspetti, cercando di interpretare sempre il punto di vista infantile. Durante il workshop verranno distribuite due vignette da completare, invitando i partecipanti a diventare autori di nuove vignette utilizzando ricordi personali o riflessioni sui temi educativi. Sarà riservato uno spazio al dibattito

11:15 – 12:30 L’utilizzo dei droni per riprese video e acquisizione dati geofisici. Antonio Caramelli (INGV)

Le attività dell’INGV relative all’uso dei droni per  misure  in campo geofisico e acquisizioni di riprese video dall’alto, presentate da un ricercatore dell’INGV Antonio Caramelli al ROMA DRONE EXPO’.  Durante il workshop sarà mostrato uno dei droni utilizzati dall’INGV e un  micro-drone di 10 cm con telecamera integrata. Verranno inoltre illustrate alcune applicazioni possibili per la restituzione dati acquisiti come quelle connesse all’utilizzo della stampante 3D per stampare parti del sistema di acquisizione del drone e modelli del territorio (DEM).

12:30 – 13:30 A nord di Capo Nord di Paola Catapano, ITA, 2014, 52’, RAI

anord

A mille chilometri a nord di Capo Nord, l’arcipelago delle Svalbard non è certo tra i luoghi più ospitali del pianeta. Con improvvise tempeste, freddo, ghiaccio e 3000 orsi polari a piede libero, la natura ribadisce qui la sua supremazia. Nonostante ciò, si sono insediate le comunità umane più a Nord del pianeta: dai minatori russi, americani e norvegesi tra la fine 1800 e i primi del 1900, alle basi di partenza per le prime esplorazioni polari, fino alle ricerche scientifiche di questi ultimi decenni. Scopriremo la stazione di ricerca artica del CNR “Dirigibile Italia” e la Torre per il Cambiamento Climatico, dove lavorano scienziati italiani e stranieri in condizioni spesso proibitive, perpetuando la tradizione degli esploratori del passato con l’esplorazione moderna del nostro pianeta. Seguiremo i lavori degli scienziati italiani in base al momento della visita di Paola Catapano e si parlerà anche della speciale città-capitale dell’arcipelago, Longyearbyen, il centro amministrativo più a nord del mondo, di orsi polari, di bellezze naturali strepitose, condite con curiosità e aneddoti norvegesi.

13:30 – 14:30 Pausa

14:30 – 15:30 The Placebo Effect di Emmanuelle Sapin & Pascal Goblot, FRA, 2014, 52’ GAD

placebo

Per anni si è pensato che la malattia fosse frutto dello stato mentale di un ipocondriaco. Ora, in contraddizione con queste teorie, gli studi scientifici degli ultimi decenni mostrano che l’effetto placebo può causare cambiamenti fisiologici osservabili e quantificabili. Con rigore, questo film cerca di svelare una parte del mistero per esplorare il nostro formidabile potere di auto-guarigione.

15:30 – 16:45 La Prestazione di Alberto Basaluzzo, Gabriella Pacini, Sarah McTeigue, ITA, 7’30”, Vita di Donna – Melograno

prestazione

Il cortometraggio scritto da Gabriella Pacini illustra i parallelismi tra un parto e l’atto del fare l’amore. Gli ormoni della nascita sono gli stessi che produciamo nel momento dell’amore. Per questo e altri motivi è importante proteggere il parto da qualsiasi elemento di disturbo che non sia dovuto e giustificato da motivazioni mediche. Il movimento Freedom for Birth Rome Action Group sostiene il diritto all’informazione e la libertà scelta della donna in questo momento così unico e irripetibile. Perché ogni donna possa veramente autodeterminarsi e scegliere il meglio per se e per il suo bambino.

Da quali paradigmi sono condizionate le nostre visioni del mondo?  Michele Grandolfo (ISS) – Gabriella Pacini (Ass. Vita di Donna)

Spesso si assumono inconsciamente dei paradigmi che definiscono chiavi di lettura dei fenomeni che non fanno emergere contraddizioni e assurdità. Contraddizioni e assurdità che invece risultano evidenti in un altro contesto. Quali sono i processi mentali che stanno alla base di questo meccanismo? Il caso di un parto eccessivamente medicalizzato.

16:45 – 17:00 Pausa

17:00 – 18:15 Il Sorriso di Candida di Rita Bugliosi (Ufficio Stampa CNR), Angelo Caruso (Film-maker) Elvira De Leonibus (IGB-CNR)

candida

Scritto dalla giornalista dell’Ufficio Stampa del CNR Rita Bugliosi e dal film maker Angelo Caruso, che ne ha firmato anche la regia, il cortometraggio “Il sorriso di Candida”  è frutto di un progetto che mira a portare in primo piano il difficile tema dell’Alzheimer, una patologia sempre più diffusa. Il film propone una storia autobiografica (Candida è nella realtà la mamma di Rita) attraverso un racconto ciclico, ellittico, che mette a confronto il passato e il presente di una famiglia: i personaggi si muovono in luoghi simili e compiono gesti analoghi, ma oggi soffrono per le alterazioni causate dall’Alzheimer che ha colpito Candida e ha capovolto i loro ruoli.

Alla proiezione sono presenti gli autori, per illustrare la genesi del cortometraggio, e la ricercatrice dell’Istituto di Genetica e Biofisica del CNR Elvira De Leonibus, che spiega quali sono i campanelli d’allarme del declino cognitivo. Un repentino e progressivo deterioramento delle capacità mnemoniche e delle abilità visuo-spaziali possono essere  infatti un segno di demenza, ma per averne la certezza occorrono sistemi di valutazione obiettivi quali i test neuropsicologici.

WORKSHOPS E PROIEZIONI SALA TUNNEL

9:45 – 11:00 L’utilizzo dei droni per riprese video e acquisizione dati geofisici. Antonio Caramelli (INGV)

Le attività dell’INGV relative all’uso dei droni per  misure  in campo geofisico e acquisizioni di riprese video dall’alto, presentate da un ricercatore dell’INGV Antonio Caramelli al ROMA DRONE EXPO’.  Durante il workshop sarà mostrato uno dei droni utilizzati dall’INGV e un  micro-drone di 10 cm con telecamera integrata. Verranno inoltre illustrate alcune applicazioni possibili per la restituzione dati acquisiti come quelle connesse all’utilizzo della stampante 3D per stampare parti del sistema di acquisizione del drone e modelli del territorio (DEM).

11:15 – 12:30 Un sorso dopo l’altro. Disegni e Pensieri per Tuffarsi nel Mondo dell’Acqua. Francesco Tonucci (ISTC – CNR)

Durante il workshop verranno presentate due serie di vignette: la prima illustrerà l’attività grafica di analisi e denuncia degli errori educativi nel rapporto adulti-bambini in casa, a scuola e nella città; la seconda presenterà invece un lavoro grafico sull’Acqua esaminando il tema sotto vari aspetti, cercando di interpretare sempre il punto di vista infantile. Durante il workshop verranno distribuite due vignette da completare, invitando i partecipanti a diventare autori di nuove vignette utilizzando ricordi personali o riflessioni sui temi educativi. Sarà riservato uno spazio al dibattito. 

12:30 – 13:00 L’equilibrio di Marco Tessaro, ITA, 2014, 30’, LIPU BirdLife Italia

equilibrio

Valli del Verbano: Valcuvia, Valveddasca, Valtravaglia. Lia torna nei luoghi che l’hanno vista crescere dopo anni passati altrove. Suo padre l’accoglie entusiasta: innamorato della sua terra, si impegna ogni giorno per salvaguardarne la biodiversità e preservarne l’equilibrio ambientale. La scoperta di un mondo che esiste ancora e del modo più semplice per perderlo.

13:10 – 13:30 Acqua a Pompei di Gian Piero Orsingher, ITA, 2013, 15’58, Rai

pompei

Alberto Angela esplora Pompei alla scoperta dell’acqua… e proprio l’acqua, agli inizi del Seicento, ha permesso una delle più grandi scoperte archeologiche, Pompei, una città di circa 20.000 abitanti: come avveniva l’approvvigionamento idrico? L’imperatore Augusto, tra la fine del I secolo AC e gli inizi del I secolo DC realizza l’acquedotto Serino, lungo circa 100 chilometri. Ma come veniva distribuita l’acqua in città? Chi ne beneficiava? Quali erano gli usi? E prima della costruzione dell’acquedotto, da dove veniva l’acqua a Pompei?

13:30 – 14:30 Pausa

14:30 – 15:30 Super Fungi, will mushrooms save the world? di Anne Rizzo & Thomas Sipp, FRA-NL-SVE, 2013, 52’, Les Films d’Ici

superfungi

Il fungo è un essere vivente che, mezzo animale (in quanto eteretrofo) e mezzo vegetale (per la somiglianza cellulare), riesce a conquistarsi un regno tutto suo. A partire dal titolo provocatorio, gli autori, ci danno un piccolo assaggio di ciò che i funghi sono in grado di fare, spiegandoci perché forse in un futuro vicino potrebbero essere gli alleati migliori contro i problemi in campo sanitario e ambientale che minacciano la nostra società.

15:30 – 16:45 Il Sorriso di Candida di Rita Bugliosi (Ufficio Stampa CNR), Angelo Caruso (Film-maker), Elvira De Leonibus (IGB-CNR)

candida

Scritto dalla giornalista dell’Ufficio Stampa del CNR Rita Bugliosi e dal film maker Angelo Caruso, che ne ha firmato anche la regia, il cortometraggio “Il sorriso di Candida”  è frutto di un progetto che mira a portare in primo piano il difficile tema dell’Alzheimer, una patologia sempre più diffusa. Il film propone una storia autobiografica (Candida è nella realtà la mamma di Rita) attraverso un racconto ciclico, ellittico, che mette a confronto il passato e il presente di una famiglia: i personaggi si muovono in luoghi simili e compiono gesti analoghi, ma oggi soffrono per le alterazioni causate dall’Alzheimer che ha colpito Candida e ha capovolto i loro ruoli. Alla proiezione sono presenti gli autori, per illustrare la genesi del cortometraggio, e la ricercatrice dell’Istituto di Genetica e Biofisica del CNR Elvira De Leonibus, che spiega quali sono i campanelli d’allarme del declino cognitivo. Un repentino e progressivo deterioramento delle capacità mnemoniche e delle abilità visuo-spaziali possono essere  infatti un segno di demenza, ma per averne la certezza occorrono sistemi di valutazione obiettivi quali i test neuropsicologici.

16:45 – 17:00 Pausa

17:00 – 18:15 La Prestazione di Alberto Basaluzzo, Gabriella Pacini, Sarah McTeigue, ITA, 7’30”, Vita di Donna – Melograno

prestazione

Il cortometraggio scritto da Gabriella Pacini illustra i parallelismi tra un parto e l’atto del fare l’amore. Gli ormoni della nascita sono gli stessi che produciamo nel momento dell’amore. Per questo e altri motivi è importante proteggere il parto da qualsiasi elemento di disturbo che non sia dovuto e giustificato da motivazioni mediche. Il movimento Freedom for Birth Rome Action Group sostiene il diritto all’informazione e la libertà scelta della donna in questo momento così unico e irripetibile. Perché ogni donna possa veramente autodeterminarsi e scegliere il meglio per se e per il suo bambino.

Da quali paradigmi sono condizionate le nostre visioni del mondo? Michele Grandolfo (ISS) – Gabriella Pacini (Ass. Vita di Donna)

Spesso si assumono inconsciamente dei paradigmi che definiscono chiavi di lettura dei fenomeni che non fanno emergere contraddizioni e assurdità. Contraddizioni e assurdità che invece risultano evidenti in un altro contesto. Quali sono i processi mentali che stanno alla base di questo meccanismo? Il caso di un parto eccessivamente medicalizzato.